GIUSEPPE ARCIMBOLDO - Milano 1527 - 1599

Il grande pittore al Museo nazionale di Palazzo Barberini Roma 20 ottobre 2017_ 11 febbraio 2018

In mostra sono raccolti i suoi capolavori più noti, oltre a disegni acquarellati e oggetti. Tra i tanti quadri è in mostra anche il famoso ‘’Bibliotecario,, in cui il Maestro con grande ironia e creatività ombreggiò una figura umana. Tutte le sue opere sono straordinariamente assurde e creative. Teste composte con fiori, frutta, animali, ortaggi, pesci, il cui assemblaggio rievoca per analogia, figure vere. A motivo delle sue particolari creazioni fu notato dalla corte di Praga di cui divenne il pittore ufficiale e dove rimase dal 1562 fino al 1587.

In seguito fu messo nell’oblio, finchè agli albori del ‘900 fu notato dalle avanguardie dell’epoca, dadaisti, surrealisti cubisti che da lui trassero motivi ispiratori, tant’è che l’Arcimboldo è considerato il precursore del Surrealismo.

‘’Pittore raro e in molte virtù studioso ed eccellente nella pittura come in diverse bizzarrie